Imballaggio resistente e idoneo al trasporto, per evitare danni

Soprattutto in questo momento di incertezza economica, l'obiettivo principale è la sicurezza e la capacità di consegnare il prodotto. Il trasporto delle merci senza alcun danno è essenziale e richiede un imballaggio adatto allo stress e al trasporto. Di seguito, vorremmo fare una panoramica sulla prevenzione dei danni grazie all'imballaggio.

L'imballaggio adeguato allo stress o al trasporto, tenendo conto del carico di spedizione, del percorso, della durata e del carico di trasporto, garantisce che la merce imballata raggiunga il destinatario senza danni, proteggendone la commerciabilità e l’integrità. L'imballaggio è a carico del mittente, quando la merce può essere trasportata solo imballata, per il tipo di trasporto e mezzo di trasporto concordati. In caso di comprovato vizio dell'imballaggio, che sia causa di danno, lo spedizioniere non risponde, né è tenuto a riparare l'imballo difettoso o a rimballare la merce. Lo spedizioniere conosce le caratteristiche speciali dei suoi prodotti e conosce il modo migliore per proteggerli dai danni. L'imballaggio deve proteggere la merce dagli influssi previsti e prevedibili come vibrazioni tipiche, forze centrifughe in curve strette, effetti di frenata, effetti del caldo e del freddo o lo stress derivante da più trasbordi. I simboli di avvertenza apposti dallo spedizioniere non sostituiscono l'imballo. Se la merce viene spedita nella confezione di vendita, che non deve essere danneggiata, la merce viene "disimballata" ai sensi di legge.

Gli imballaggi idonei al trasporto di merci generiche su camion devono soddisfare i seguenti requisiti: protezione della merce, contro i carichi dinamici durante il trasporto e la movimentazione multipla, o l'adattamento alla forma del pacco. I colli devono inoltre essere imballati, in modo tale che l'accesso al contenuto sia possibile lasciando tracce solo esternamente, per garantire la protezione dai furti. I pacchi più piccoli di una spedizione devono essere raggruppati insieme per formare unità più grandi, e i pacchi che pesano più di 1.000 kg devono essere contrassegnati con indicatori di peso adeguati. In caso di particolari caratteristiche della merce, devono essere allegate le istruzioni standard di movimentazione.

Tra i difetti che frequentemente si riscontrano nell’imballaggio troviamo: l’imballo sovra o sotto dimensionato, un imballaggio di qualità inferiore, la mancanza di istruzioni per la corretta manipolazione o dell’etichettatura della merce, l’inadeguato fissaggio dell'unità di carico sul pallet, un rivestimento difettoso, una merce che sporge oltre il pallet o completamente disimballata.

Oltre all'obbligo di imballaggio, il mittente ha anche l'obbligo di fornire informazioni ed etichettatura. Le informazioni su tutti i fattori noti al mittente e che influenzano l'esecuzione dell'ordine, quali indirizzo, tipo e natura della merce, peso lordo, valore della merce o tempi di consegna, devono essere fornite dal mandante in tempo utile. Allo stesso modo, i colli devono essere contrassegnati correttamente, in modo che il vettore possa controllare la completezza e l'identità della merce, e consegnarla al destinatario corretto.

Solo l'adattamento dell'intero ciclo di confezionamento può portare a un trasporto economico e senza danni. L'ottimizzazione dell'imballaggio inizia con lo sviluppo dell'imballaggio di vendita o del prodotto, che influenza le dimensioni e la stabilità dell'imballaggio di trasporto.

Al momento della presa in carico della spedizione, lo spedizioniere deve poi verificare il numero e la tipologia dei colli presi in carico e lo stato esterno dell'imballo, nonché effettuare controlli di interfaccia. Sono esclusi da questa verifica l'idoneità al trasporto dell'imballaggio utilizzato, il contenuto dei singoli colli, il numero di singoli cartoni su un pallet o il peso dei colli.

Per eventuali richieste, si prega di contattare la filiale DACHSER.

Contattaci Giulia Frignani