Il fatturato di DACHSER supera per la prima volta i 7 miliardi di euro

Il 2021 è stato un anno eccezionale: gli aumenti di volume e le alte tariffe di trasporto hanno generato una crescita record; un balzo del 78,3% nel trasporto aereo e marittimo.

Gli aumenti di volume e le alte tariffe di trasporto hanno generato una crescita record per DACHSER.
Gli aumenti di volume e le alte tariffe di trasporto hanno generato una crescita record per DACHSER.

Nell'esercizio 2021, DACHSER ha aumentato il suo fatturato consolidato del 26,0 % a 7,1 miliardi di euro. Dopo la deviazione laterale guidata dal blocco dell'anno precedente, il provider logistico è tornato su un binario di crescita dinamica. Il risultato positivo per il 2021 è dovuto a una crescita organica delle spedizioni e del tonnellaggio del 6,3 percento, ovvero del 7,7 percento a livello di gruppo. I prezzi elevati dei noli, causati dalla carenza di capacità di carico sperimentata da tutti i vettori, hanno posto il sigillo su questo salto nelle entrate.

"Non c'è dubbio che il 2021 sia stato eccezionale sotto molti punti di vista, con alcune sfide estreme da superare", afferma il CEO di DACHSER Burkhard Eling. "È stato segnato dalla Brexit, dalla pandemia COVID-19 e dalle catene di approvvigionamento globali spinte al punto di rottura, tutte cose che hanno causato grande incertezza tra i nostri clienti. Anche in questa situazione, siamo riusciti a offrire soluzioni logistiche mantenendo un alto livello di qualità e servizio. In questo modo, abbiamo rafforzato i legami con i clienti e perseguito un'espansione mirata del business, soprattutto con i nostri account principali. Si è trattato di un risultato straordinario, in cui le condizioni difficili hanno imposto ai nostri team di dare il massimo". Il settore di attività Road Logistics di DACHSER, che comprende il trasporto e lo stoccaggio di beni industriali e di consumo (European Logistics) e di generi alimentari (Food Logistics), ha aumentato il suo fatturato del 12,3% a 4,99 miliardi di euro nel 2021. Dopo che i blocchi in tutta l'Europa meridionale nel 2020 hanno portato a un calo del 2,2% delle entrate, il risultato rappresenta un aumento significativo, anche rispetto all'anno pre-COVID 2019.

La linea di business European Logistics ha aumentato le sue entrate di un impressionante 13,1% a 3,92 miliardi di euro. Dopo diversi anni di stagnazione, il numero di spedizioni è aumentato significativamente del 6,8% a 72 milioni; il tonnellaggio è salito ancora di più, 8,5% a 30 milioni. Tutte le unità commerciali in Germania, Europa centro-settentrionale, Francia, Maghreb e Iberia hanno registrato aumenti di fatturato a due cifre. Nonostante le restrizioni legate al COVID per ristoranti e hotel in Germania, l'acquisizione di nuovi clienti ha fatto sì che la linea di business Food Logistics abbia raggiunto una crescita di fatturato del 9,8%. Questa è la prima volta che questa linea di business ha superato il miliardo, raggiungendo un fatturato di 1,07 miliardi di euro.

È stato segnato dalla Brexit, dalla pandemia COVID-19 e dalle catene di approvvigionamento globali spinte al punto di rottura, tutte cose che hanno causato grande incertezza tra i nostri clienti. Anche in questa situazione, siamo riusciti a offrire soluzioni logistiche mantenendo un alto livello di qualità e servizio.

Burkhard Eling, CEO di DACHSER

Nel 2021, l'attività di trasporto aereo e marittimo è stata caratterizzata da interruzioni della catena di approvvigionamento, da una carenza di capacità di trasporto e da tariffe corrispondentemente elevate. Come conseguenza di questo sviluppo, il campo di attività Air & Sea Logistics è stato in grado di raggiungere una crescita record dei ricavi del 78,3%. Le spedizioni gestite sono aumentate del 9,1% e il tonnellaggio è salito del 20,9%. Un successo particolare è stata l'ulteriore espansione dei charter di trasporto aereo in una rete di trasporti regolari tra Asia, Europa e Nord America. DACHSER ha completato un totale di 230 charter nel 2021. "Una capacità di trasporto disponibile in modo affidabile dà ai clienti la certezza della pianificazione e questa è stata la chiave del nostro successo nel 2021. Inoltre, siamo stati in grado di alimentare le merci in arrivo da oltreoceano direttamente nella nostra rete europea di trasporto via terra per la distribuzione e la consegna, il che si è rivelato molto vantaggioso", spiega Eling.

Azione strategica orientata al futuro

La volatilità e le sfide continuano a modellare il mercato nel 2022. La guerra in Ucraina sta causando un'estrema sofferenza umana, e lascerà anche profondi segni sull'economia globale. Poi ci sono i costi record dell'energia e del carburante, l'ulteriore esacerbazione della carenza di autisti e le persistenti interruzioni delle catene di fornitura globali. Quest'ultimo è causato in parte da ulteriori focolai di COVID-19 come è successo recentemente in Cina e Hongkong. "Dobbiamo accettare che ci aspetta un altro anno in cui il mantenimento delle catene di approvvigionamento richiederà gestione delle crisi, flessibilità e resilienza", dice Eling.

Tuttavia, DACHSER sta anche provvedendo al futuro investendo in strutture logistiche, tecnologie digitali e attrezzature. Dopo aver investito circa 100 milioni di euro nel 2021, l'azienda prevede di spendere circa 200 milioni di euro nel 2022. "Questo include progetti faro come il nostro magazzino di stoccaggio a scaffalature alte completamente automatizzato a Memmingen. Con 52.000 posti pallet, questa struttura aprirà a ottobre", spiega Eling. "Allo stesso tempo, stiamo anche facendo investimenti sostanziali nella digitalizzazione, nella protezione del clima e soprattutto nei nostri dipendenti; dopo tutto, la logistica è e sarà sempre un'attività gestita da persone per le persone". Nel 2021, DACHSER ha assunto circa 1.000 nuovi dipendenti in tutto il mondo, e circa 2.200 giovani stanno attualmente facendo un apprendistato presso le sedi DACHSER in tutto il mondo. L'elevata quota di capitale proprio di DACHSER, pari a circa il 60%, fornisce un forte sostegno alla politica di investimento dell'azienda.

Contattaci Giulia Frignani